Quando si parla di streaming si sente spesso abbinare la parola illegalità ma, in realtà, le piattaforme su cui vedere film e serie tv gratis e senza infrangere nessuna legge sono moltissime.

Tanto per cominciare i siti più famosi offrono un periodo di prova gratuito che di solito dura trenta giorni. Suggeriamo questo particolare perché spesso i siti che consentono di vedere le ultime novità gratuitamente sono illegali.

La soluzione, però, è più semplice del previsto: basta vedere i vecchi titoli su queste piattaforme e le ultime proposte su quelle gratuite solo temporaneamente. Ci sono inoltre molti siti che consigliano film e dove vederli; latrattativa.it ne è un classico esempio.

Una sentenza del Tribunale di Frosinone risalente a febbraio 2017 è inoltre destinata a rivoluzionare il mondo dello streaming. Sì perché secondo quanto emerso, non è illegale fornire link di altri sistemi di streaming a meno che non si chieda in cambio un abbonamento per farlo. A spiegare i dettagli del perché la sanzione da ben 600mila euro è stata annullata è stato l’avvocato Fulvio Sarzana.

Non basta che il sito produca reddito – ha spiegato il legale – ma occorre dimostrare che l’attività di lucro sia collegata alla singola opera e che ne sia il corrispettivo, perché altrimenti siamo in presenza di un risparmio di spesa e non di una attività di messa a disposizione per finalità di lucro.

Anche in presenza di banner pubblicitari, dunque, lo streaming può tutt’al più essere considerato un risparmio di spesa, e come tale non soggetto alle normative sul copyright. Attenzione però a tutti i prodotti acquistati in esclusiva da una piattaforma.

streaming legalePensiamo, solo per fare qualche esempio, alle serie di Sky Atlantis come Gomorra o come Homeland. Se avete trovato i link di queste serie vuol dire che vi trovate sicuramente su un sito di streaming illegale oppure che, assieme a tanti prodotti regolari, ne hanno inseriti di illeciti per accrescere il numero di accessi.

Il rischio, comunque, è minimo se rapportato al valore di un singolo film, ma è comunque esistente. A dire il vero, però, riconoscere un sito illegale oggi non è proprio così facile. Partiamo con il dire che: Illegale è un sito che pubblica link o file che violano i diritti d’autore, quindi film in streaming, file MP3 e via dicendo; pubblica download gratuito di programmi a pagamento di altre aziende; pubblica seriali o crack di programmi danneggiando le aziende e le loro licenze; immette nel proprio sito virus o pishing danneggiando il PC dell’utente online.

Queste sono solo alcune delle regole che consentono di riconoscere un sito illegale e che se non rispettate potrebbero spingere le forze dell’ordine ad oscurarlo. C’è però un altro aspetto da valutare: ciò che è illegale in Italia non è detto che lo sia altrove.

Se per esempio Sky ha l’esclusiva di Homeland, solo per fare un esempio, ma questa serie è stata trasmessa negli Stati Uniti non è detto che non possa essere trovata in streaming. Certo magari non doppiata ma con sottotitoli in italiani ma d’altronde per lo spettatore vorace ormai questo particolare non fa più differenza.